Alkkemist Gin la recensione di GinItaly

Un Gin mediterraneo, un ultra Premium dalla Spagna, che si presenta con un packaging notevole e un’accattivante idea alle spalle, ecco l’Alkkemist Gin. 

C’è stata un’evidente cura dei particolari, nulla è lasciato al caso in questa bottiglia: il tappo, la forma, l’etichetta, tutto serve ad accordarsi con il nome, con ciò che il creatore di questa ricetta vuole comunicare: l’esclusività di un Gin prodotto solo nelle notti di luna piena.

 

Alkkemist Gin Tonic

 

Clicca per acquistare su amazon.it

 

Ora non è possibile verificare scientificamente quanto questa scelta possa influire sul risultato, ma alzi la mano chi può smentire categoricamente che questa procedura non conferisca quel qualcosa in più?
D’altronde, la distillazione non è una scienza, mischia esperienza e magia, studio e intuizione, in piccoli lotti è difficile controllarne perfettamente ogni passaggio, ed è qui che si inserisce questo Gin, proposto da una micro-distilleria, artigianale e insolito.

Composto da ben 21 “botanici” (finocchio marino, salvia, verbena, camomilla, petali di rosa, uva moscato, melissa, the Oolong, camomilla Mahon, timo, finocchietto selvatico, ginepro, radice di Angelica, cardamomo, coriandolo, buccia di limone e arancia, menta, Menta poleggio, Acalypha hispida, Agrimonia eupatoria), viene proposto con una gradazione di 40% e l’alcol base è di cereali.

Che dire, l’Alkkemist Gin è davvero invitante, profuma di Ginepro, nettamente e poi seguono le altre note, morbide e dolci.

Bevuto liscio, colpisce: si sente l’uva, il mare, note fresche e ben bilanciate, un Gin ben realizzato e gustoso, e piacevole già così, la gradazione lo rende molto bevibile.

 

Alkkemist Gin Martini

Nel Martini si sposa bene col vermouth, è sufficientemente secco e forte, e il risultato è morbido ma deciso.
Nel Negroni, aggiunge note particolari, che donano al cocktail una spinta verso un’aromaticità che non troviamo spesso in altri Gin. Aggiunge sicuramente qualcosa a questa preparazione, senza essere troppo invasivo.
Nel Gintonico, con poca tonica, emergono tutte le note, e compAlkkemist Ginone un long drink che si lascia bere con facilità, non pesa, non c’è un sapore che spicca, ma tutto è ben bilanciato.

L’Alkkemist Gin è un ottimo prodotto, nuovo, fresco e di bell’aspetto, ci complimentiamo per come è stato curato, la comunicazione accattivante e il gusto che non sfigura. Può essere una bevuta per quando si ha bisogno di qualcosa di più, di godersi un Gin artigianale che ci racconta una storia. Consigliato, ovviamente, a tutti i lunatici che leggono. 🙂

 

 

Leave a Reply